“Cultura e sapori nel Parmense”- 19-20 maggio 2018

Come previsto nel programma annuale dell’A.M.S.A.P, il 19/20.2018 si è tenuto l’incontro-gita di primavera.

Hanno partecipato alla manifestazione 18 equipaggi che si sono dati appuntamento al Mercatone UNO alle 7,15 di sabato. Il viaggio d’avvicinamento a Colorno si è svolto regolarmente con una fermata, per un breve intervallo, presso un Autogrill da cui si è ripartiti con meta l’Agriturismo “La Palazzina” per il pranzo. E qui si è cominciato a capire il perché la gita era intitolata, oltre che alla cultura, ai “sapori”.

Nel primo pomeriggio abbiamo raggiunto la vicina Reggia di Colorno dove, parcheggiate le auto nel piazzale antistante l’ingresso principale, abbiamo iniziato la visita del fabbricato che, nato come costruzione militare, si è trasformato nei secoli XVII e XVIII nella eleganete dimora prima dei Sanseverino e, poi, dei Farnese fino a che Napoleone la dichiarò Palazzo Imperiale e la moglie Maria Luigia d’Austria realizzò il magnifico giardino alla francese. Purtroppo, la maggioranza degli arredi e delle opere d’arte sono state trasferite a Roma e solo alcune, delle quali non si è nemmeno sicuri che fossero tutte di provenienza da Codorno, sono state restituite.

Per alternare cultura e sapori abbiamo raggiunto, a Vedole di Codorno, la “Casa dei culatelli”, prodotto tipico di quella ristretta zona nord del parmense, dove ci è stata riccamente illustrata la preparazione e la stagionatura degli insaccati la cui degustazione, anche visti i costi del prodotto, è stata concentrata nel menù della cena di gala che si è tenuta nello storico ristorante “Al Vedel”.

Il pernottamento è stato all’Hotel Link 124 di Parma dove le auto sono state ricoverate nei parcheggio sotterraneo.

Al mattino seguente, dopo la colazione, abbiamo raggiunto il Castello di Torrechiara a Langhirano che è un pregevole monumento nazionale e un polo museale. Il castello fu edificato dal Conte Pier Maria II de Rossi nel 1448 ed è collocato sulla cima di un monte roccioso panoramico alle porte della Val Parma. La sua funzione era quella di una possente struttura difensiva ma divenne un elegante nido d’amore per il Conte stesso e l’amante Bianca Pellegrini.

La gita si è conclusa riprendendo dalla denominazione dell’incontro la parola “sapori” con ritrovo presso il ristorante “Antica Trattoria Leoni” in località Barbiano a Felino.

Bisogna ringraziare, per l’attenta e pregevole scelta dei siti visitati e dei ristoranti che abbiamo raggiunto, Gilberto Balocca, Teresio Zola ed Antonio Recco con le rispettive signore.

Alla prossima gita sperando che l’adesione dei soci sia più corposa alla luce di quello che l’A.M.S.A.P. ha saputo brillantemente organizzare.

Questo slideshow richiede JavaScript.


 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.